…e il naufragar m’è dolce in questo mare. (G. Leopardi, 1819)

English translation.

My mentor Cesare Musatti ( http://www.treccani.it/enciclopedia/cesare-l-musatti_%28Il-Contributo-italiano-alla-storia-del-Pensiero:-Scienze%29/) once said : “You can’t evaluate a boat from the wooden pieces that float on the water after the wreck , nor from the scattered flotsam… These are just flimsy traces of whatever once existed. The real truth about that ship actually lies beneath, down in the abyss, down in that place where the boat was engulfed”.
When I admire African Art, I keep into account these words.
What I see is just the surface, i.e. the visible part of that simulacrum which has been shaped through time and vicissitudes. But where is the essence ? Where does it reside if it’s ever existed ? What does it consist of ? Where should we search for ? What is its shape ?
That essence is deep inside, beneath the surface, where lie rites and meanings.
Of course when the beauty of art items is magnetic and expressive it looks like a wild horse, rebel and untamable ; nonetheless it has an undeniable fascination in terms of volume and shapes ( full or empty ), impetus, equilibrium, with an innate and voracious tendency of occupying space.
But the meaning of that kind of beauty is not the beauty itself. This item is full of rites and is especially an expression of an invisible meaning, connected to a hidden deity, not easily captured by western eyes. That invisible world, which looks incomprehensible by the Christian and Muslim cultures, is shrouded in mystery and prejudice, and is sometime condemned by strangers’ eyes. On the contrary the density of that rite holds a high degree of significance and sacrality ; but to understand this it is necessary to get rid of that obtuse certitude, which has now turned into a useless defence, and be able to sail away from the “dark area” of safe harbor. Denied and vilified by the Western countries and by the Muslim culture, that world is now reasserting its extraordinary beauty through the items, which at first enchanted the best artists of the 20th century, with their magnificent creativity and plastic innovation.
That world emanates its authentic spiritual and aesthetic value through the synthesis of beauty and meaning, thus gaining back its rightful due of consideration within the pantheon of Universal Art. (https://artidellemaninere.com/2015/04/23/976/).
For instance, we can contemplate this magnificent sculpture by the Chokwe tribe.

Second the Scholar Manuel Jordan, this is a Chokwe female figure, possible Shinji. Chokwe with oozing oil surface are rare.
The particular gesture featured by the figure, with arms bent straight up and (inverted) hands “grabbing” the shoulders and the specific “belt” it shows above the waist, indicate that the figure’s “dialogue” is directly related to female initiation (mwali). When female graduates (miali; singular mwali, also name of initiation) come out of the period of seclusion and their private enclosures they are fully covered with oil so their skin is shinny, just like what it see on the figure’s surface. So, within this context it would make sense the figure is “oiled” to mirror female initiation steps and practices. This is actually quite rare but is documented the use of carved wooden figures by women in that context.
About the gesture, it is one of three arm positions in a mwali graduation dance: initially the arms are extended out to the front, then the arms are brought towards the body and crossed to create an “X” covering the chest, and last (3d step) the arms are “opened up” to take the precise position that the figure shows with hands on the shoulders. It can also see that during dance “imitated” in Pwo (female mask character) performances among the Chokwe and other groups.
Relating the belt, it represent a waist band that women wear when they get married and have sex (for the first time at least) with their husbands. This waistband is normally covered in beadwork and is considered to be highly attractive and to make the woman “irresistible” to the man. The scarification marks support all this as they reflect a mature and fertile woman.

It possible speculate that the piece was owned by somebody of high rank, possibly an officer of female initiation ceremonies for a chief’s court: in which case the figure itself would also serve for education during the initiation process as a form of model and perhaps commemorating the “spirit” of the founder of a particular lineage.
The didactic purpose is only one of many possible uses of this figure, which does not preclude the “magico-religious” purpose, “embodies” an ancestor: it is therefore coherent use during divination and the presence, in the piece, of one or more cavities to contain the “medicine” (vitumbo). The figure have anal cavity is also consistent as a place for a “charge” and indeed it is an important place for mwali as the initiates are applied enemas for cleansing as well. This is all a symbolic universe where all things correlate.
Indeed the figure could have been used in divination. Although the figurative sculpture belongs to the kingdom of men, there are also female diviners that use figures of this type. The set of the details of the figure make it more “exciting” and attractive the piece, a strategy used by diviners to attract all the force (good or bad) in the “trap” constituted by the spirit of the ancestor, so that we can mediate.
The presence, in piece, of many elements related to the female initiation rites, make it unlikely the use of this object by a man diviner. However, it is common to find male and female diviner operating on the same individual or in relation to specific issues. Finally, most probably, the statue has been used by a female diviner who officiated in initiation rituals.

This is an example of a little Statue Shinji, which summarizes that profound symbolic meaning, synthesis of aesthetic and hieratic value. And I really enjoy being wrecked into that sea.

…e il naufragar m’è dolce in questo mare. (G. Leopardi, 1819)

Il mio compianto illustre maestro Cesare Musatti, ( http://www.treccani.it/enciclopedia/cesare-l-musatti_%28Il-Contributo-italiano-alla-storia-del-Pensiero:-Scienze%29/), ebbe a dirmi una volta che un galeone non lo si deve giudicare dai pezzi di legno che galleggiano dopo un naufragio, dai suoi sparpagliati rottami…esili tracce di quello che fu.

La verità di quella nave è nel profondo, laggiù, nell’abisso che l’ha ingoiata.

Ho sempre tenuto d’acconto queste preziose parole che mi sovvengono adesso, quando ammiro un oggetto delle Arti Africane.

Quel che vedo è la superficie, vale a dire la parte visibile di quel simulacro su cui il tempo e le vicissitudini hanno lavorato. Ma l’essenza dov’è? Dove risiede se mai esiste? In cosa consiste? Dove cercarla? Quale forma ha assunto?

Come per quel galeone essa è nel profondo, laggiù, dove regnano i riti ed i significati.

10541_552229478149534_1564203653_n
Diviner Uruunda Region ( Courtesy “Negros”, Padre Carlos Estermann e Elmano Cunha e Costa, Lisboa 1941)

Certo, la bellezza del manufatto, quando magnetica ed espressiva, è come un cavallo selvaggio, ribelle e difficile da domare; nondimeno il suo fascino è inconfutabile nel suo proporsi di forme e volumi, pieni e vuoti, nei suoi slanci, nel suo equilibrio, nella sua innata e vorace propensione ad occupare lo spazio.

Ma il significato di quella bellezza non è la bellezza stessa. Intriso di riti quell’oggetto è anzitutto espressione di un significato invisibile, quanto invisibile e sconosciuto agli occhi occidentali è la deità nascosta a cui l’oggetto fa riferimento.

Incomprensibile alla cultura cristiana quanto a quella musulmana, il mondo invisibile a cui si riferisce è avvolto agli occhi estranei da un’aura di mistificazione, di pregiudizio e di condanna.
Al contrario, la densità di quel rito lo colma invece di significato e lo eleva al rango della sacralità.
Ma per comprendere questo è necessario spogliarsi dell’ottusa veste della certezza, divenuta inutile corazza, e saper attraversare il perimetro angusto del rifugio sicuro.

Negato e vilipeso sia dall’occidente che dall’islam, quel mondo si riafferma nel suo corredo di straordinaria bellezza attraverso gli oggetti che, non per nulla, incantarono anzitutto le avanguardie artistiche del ‘900 con il loro carico di stupefacente creatività ed innovazione plastica.

Ed è infatti attraverso la sintesi di bellezza e significato che quel mondo promana il suo autentico valore estetico e spirituale, riprendendosi il posto meritato e la dovuta considerazione al convivio dell’Arte Universale (https://artidellemaninere.com/2015/04/23/976/).

Osserviamo, ad esempio, questa magnifica scultura Chokwe dell’Uruunda Region (Lower Congo/Angola).

img_0012
19mo secolo, legno con patina scura ed esudante, metallo, H. 22.5 cm, Coll. privata, Milano

Secondo lo studioso Manuel Jordan, si tratta di una figura femminile Chokwe, possibile Shinji. Le figure Chokwe con patina sudante olio sono assai rare.

Il particolare gesto che caratterizza la figura, con le braccia piegate verso l’alto e le mani invertite ad afferrare le spalle, e la tipica cintura visibile sopra la vita, indicano che questa figura di dialogo è direttamente correlata all’iniziazione femminile (Mwali). Quando le donne ormai iniziate (Miali; singolare Mwali, che è anche il nome dell’iniziazione) escono dal periodo di isolamento e dalle capanne ove erano segregate vengono completamente coperte di olio così che la loro pelle sia brillante, proprio come quello che si vede sulla superficie della figura. Quindi, in questo contesto, ha senso che la figura presenti una patina sudante olio, rispecchiando i diversi steps dell’iniziazione femminile. Questa pratica è abbastanza rara, ma è stato documentato l’uso, da parte delle donne, di figure in legno intagliato, in questo contesto.

img_0010

In merito al gesto, è una delle tre posizioni che le braccia assumono durante la danza d’iniziazione Mwali: inizialmente le braccia sono estese verso la parte anteriore, poi le braccia sono portate verso il corpo e incrociate per creare una “X” che copre il petto, e nell’ultimo ( terzo passaggio) le braccia sono aperte per prendere la precisa posizione che la figura mostra con le mani sulle spalle. Ciò è rintracciabile anche durante la danza della Pwo (maschera femminile) tra i Chokwe e di altri gruppi affini.

La cintura rappresenta invece una fascia in vita che le donne indossano quando si sposano e fanno sesso (almeno per la prima volta) con i loro mariti. Questa cintura è normalmente coperta di perline ed è considerata molto attraente tanto da rendere la donna irresistibile per l’uomo. I segni di scarificazione supportano tutto questo in quanto rispecchiano una donna matura e feconda.

img_0013

E’ possibile ipotizzare che il pezzo fosse di proprietà di una persona di rango elevato, forse un ufficiale per le cerimonie di iniziazione femminile alla corte di un capo: in questo caso la figura stessa servirebbe anche per l’istruzione durante il processo di iniziazione come una forma di modello e, forse, per commemorare la spirito del fondatore di una particolare stirpe.
L’obiettivo didattico è solo uno dei molti possibili utilizzi di questa figura, che non preclude anche lo scopo magico-religioso, attraverso l’incarnazione di un antenato: è quindi coerente l’utilizzo durante la divinazione e la presenza di una o più cavità per contenere le medicine (vitumbo). La cavità anale è quindi un luogo di carico: gli iniziati effettuano dei clisteri per essere puliti prima dei riti Mwali. E’ tutto un universo simbolico dove tutte le cose sono correlate.
La statua potrebbe quindi essere stata usata nella divinazione. Anche se in generale la scultura figurativa appartiene al regno degli uomini, vi sono anche indovini femminili che utilizzano figure di questo tipo. L’insieme dei dettagli della figura renderebbero più eccitante ed attraente il pezzo, una strategia questa utilizzata dagli indovini per attirare tutte le forza (buone o cattive) nella trappola costituita dallo spirito dell’antenato, in modo da poterci mediare.
La presenza, nel pezzo, di molti elementi legati ai riti di iniziazione femminili, rendono improbabile un uso di questo oggetto da parte di un diviner uomo.
Tuttavia è comune trovare diviner maschi e femmine che operano sullo stesso individuo o relativamente a specifiche problematiche. Per concludere, con molta probabilità, la statua è stata impiegata da una diviner femmina che ha officiato nei rituali di iniziazione.

img_0011

Un esempio, questo della piccola Statue Shinji, ma esemplificativo di quel profondo significato simbolico, sintesi di valenze estetiche e di valore ieratico.

Ed è in questo mare che mi è dolce naufragare!

Elio Revera

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...