Una falce di luna nel cielo dei Pende

Un importante ambito artistico  del popolo Pende della Rep. Dem. del Congo centro-occidentale si riferisce agli oggetti decorativi:  i sifflet, gli amuleti, denominati ikhokho, entrambi in avorio e le asce, insegne di potere. L’aggettivo “decorativo” non è da intendersi nella sua mera definizione di oggetto di abbellimento, dal momento che nella cultura delle arti tradizionali africane quasi tutti gli oggetti prodotti assumevano anche uno specifico significato rituale ed una peculiare valenza simbolica.

 

Pende 30 cm Hans Wende, Düsseldorf, Germany

 

Le insegne di potere degli chief, herminette o hache,  si distinguevano dallo strumento di uso comune, per essere  scolpite sulla sommità e con la lama più o meno allungata a forma di falce di luna. Herminettes ed asce di questa tipologia facevano infatti parte delle insegne di potere denominate anche “il tesoro del capo”, il  kifumo o uwata.

 

.Pende dx

Il volto scolpito sulla sommità di questa herminette (cm.31), esprime una tranquilla serenità e pare accennare ad un enigmatico sorriso; la linea di demarcazione che solca la fronte,  tipica dello stile katundu, si nota anche sulle maschere giwoyo e muyombo. Il ferro inserito sotto il mento, invece di essere posto in bocca, è un impianto stilistico che si trova soltanto sulle asce che riproducono una maschera; forse, lo scultore ha  voluto richiamare la particolare forma della  maschera giwoyo (L. de Sousberghe, L’Art Pende, Bruxelles, 1959).

Interessanti sono anche le coiffures  molto variegate, a seconda delle zone di appartenenza: a piccole trecce a costituire una calotta intorno al capo, nella  regione Kilembe; Pende tre quarti a corna dritte sulla testa, presenti nella chafferie di Sangu-Mvudi; a lunghe trecce parallele, come quelle che appaiono sull’ascia del re Pindi di Mazinga, sulla  riva sinistra del Kwilu. Il capo Pindi è qui ritratto con tutte le sue insegne  di potere, a dimostrazione di come questi oggetti fossero destinati unicamente alla regalità.

.Re pindi di Kilembe

 

Le scarificazioni a forma di croce, presenti sul volto, meritano un’ultima considerazione: la mia interpretazione è che queste incisioni  siano retaggio della cultura Lwena-Chokwe, popoli  che a volte scolpivano anche per quelli viciniori.

 

Lwena scarificazioni (2)Lwena scarificazioni

 

Un’altra dimostrazione questa, dell’interculturalità delle genti d’Africa, spesso divise da confini tracciati con motivazioni storico/poltiche, piuttosto che nel rispetto delle culture e delle etnie di quei popoli.

 

Elio Revera

 

 

Pende frontale

 

Annunci

2 risposte a “Una falce di luna nel cielo dei Pende

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...